loading page

Confronto fra diversi modelli di calcolo per la valutazione del rischio sanitario-ambientale  di un sito contaminato da idrocarburi             
  • Noemi Cennamo
Noemi Cennamo
University of Salerno
Author Profile

Abstract

Il rischio è definito come la probabilità di insorgenza di effetti indesiderati per persone/cose, causati da particolari eventi, e può essere valutato come il prodotto tra la pericolosità (probabilità di accadimento dell’evento) e il danno atteso. Tra le differenti tipologie di rischio, nel presente lavoro si fa riferimento a quello ambientale. Il D.Lgs. 152/06, guarda al rischio sanitario-ambientale, derivante dall’impatto dei contaminanti presenti nelle matrici ambientali sulla salute umana. I siti contaminati costituiscono una problematica attuale e dunque si necessita di un’adeguata valutazione, al fine di individuare e quantificare i rischi associati ad un evento di contaminazione. L'obiettivo è effettuare un confronto tra software facendo riferimento ad un caso studio di un sito contaminato da idrocarburi in Spagna. 

Peer review timeline

29 Apr 2020Submitted to Tecnologie per l'ambiente
30 Apr 2020Editor invited a reviewer
30 Apr 2020Editor invited a reviewer
30 Apr 2020Editor invited a reviewer
07 May 2020Review Report #2 received
11 May 2020Review Report #3 received
13 May 2020Review Report #1 received
20 May 2020Editor invited a reviewer
21 May 2020Review Report #4 received
26 Jun 2020Published in Tecnologie per l'ambiente
Laura Borea posted a review
Tematica trattataL'articolo approfondisce le metodologie di analisi di rischio e confronto tra software utilizzati. La tematica è stata affrontata nel complesso bene.  Abstract: La sua lunghezza sfora il limite massimo di 1000 caratteri (spazi inclusi), infatti risulta essere di 1095 caratteri (spazi inclusi). Quindi bisogna ridurlo. La valutazione del rischio sanitario-ambientale nella legislazione italiana e spagnola In Italia, la prima normativa di riferimento è il D.M. 471/99, il noto decreto Ronchi   Qui potresti specificare meglio, cioè il primo riferimento normativo è il D.Lgs. 22/97
Laura Borea posted a review
TEMATICA TRATTATAIn questo articolo è stata effettuata un'analisi del rischio di un sito contaminato da idrocarburi di petrolio, utilizzando diversi software e confrontandone i risultati. Nel complesso la tematica è stata trattata bene, l'unica pecca è che la lettura potrebbe risultare poco lineare poiché alcune punteggiature non sono molto adeguate (troppe virgole).ASTRATTO È un po 'lungo (hai sforato di poco i 1000 caratteri). LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO SANITARIO-AMBIENTALE NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA E SPAGNOLA- Rigo 3: frase troppo lunga; Avrei scritto: “la prima normativa di riferimento
Laura Borea posted a review
L’argomento è stato trattato abbastanza chiaramente.AbstractL’abstract è formato da più di 1000 caratteri.La valutazione del rischio sanitario-ambientale nella legislazione italiana e spagnolaPoiché il titolo del paragrafo è “la valutazione del rischio sanitario-ambientale nella legislazione italiana e spagnola”, darei un po’ di spazio anche alla legislazione spagnola. Hai elencato le differenze, giustamente, ma io elencherei anche qualche legge specifica così come hai fatto per il D.Lgs 152/06.Descrizione dei software impiegati e presentazione del caso studio Approfondirei un po’ in che modo operano questi software (in
Domenico Giaquinto posted a review
L'obiettivo del lavoro assegnato consiste nell'utilizzare studi di letteratura per mettere in evidenza degli aspetti che in questo caso riguardano l'utilizzo di diversi software nell'ambito dello svolgimento dell'analisi del rischo. Quello svolto ricalca molto l'articolo di letteratura scelto, manca la visione critica nella discussione.L'abstract può andare, modificherei solo  la parte finale relativa allo scopo dell'articolo in quanto l'analisi svolta non è stata svolta in prima persona. L'obiettivo è effettuare un confronto tra software prendendo a riferimento il caso studio di un sito contaminato da